Blog: http://palmieri.ilcannocchiale.it

BEPPE GRILLO: COSA ANCORA MANCA

 

        Da tempo Beppe Grillo, tra denuncia e comicità, si sta occupando di politica. Ma da oggi non potrà più tornare indietro, non potrà più dire che era tutto uno show. Finchè si trattava di denunciare e ridicolizzare la politica dal palcoscenico, poteva anche essere semplice acquisire i consensi di buona parte della società, senza guardarsi intorno, senza selezionare, puntando solo alla quantità.

    I politici dal canto loro lo snobbavano: è pur sempre un comico. Un po’ come il pazzo e l’ubriaco che pur emarginati godono di ampia licenza, giustificazione e tolleranza, tanto sono pazzi e ubriachi. E possono dire e fare quello che vogliono.

    Da ieri Grillo non gode più di questo schermo, di questa protezione. Ora arriveranno amici e nemici: amici molti di coloro che avevano riservato indifferenza per il fenomeno Grillo e che ora si svegliano accorgendosi che poi, in fondo in fondo, il loro programma politico non è poi così lontano dalle idee dell’ex comico genovese; nemici quanti cercheranno di contrastare il fenomeno o facendolo apertamente (magari ripescando vecchie magagne della vita di Grillo o sue piccole scorrettezze), o facendolo dall’interno: cioè alleandosi con lui per provocarne lo svuotamento progressivo.

    Anche per questo Grillo da oggi non potrà più essere da solo, e dovrà fare le sue scelte. Ed anche lui così ribelle dovrà affrontare i primi compromessi. Ma dovrà per la prima volta passare al setaccio anche tutta la gente che da tempo lo segue. A scaldare le piazze si fa presto, ma il rischio di imbarcare frange e gruppi, che pur in buona fede, escono da suo controllo è molto alto.

    Non so se ieri la folla di Bologna abbia veramente inneggiato alla morte di Marco Biagi, non so se è vero ma mi basta sapere che è verosimile. E lo è: Grillo dovrà ora per la prima volta prendere le distanze da qualcuno, scegliere da chi essere seguito.

    Tutto questo non è facile, ma tutto questo doveva prima o poi accadere. A lui l’onore per il coraggio di essersi lasciato trascinare in questa avventura, comunque vada a finire. Lo seguiremo con attenzione.

fp

Pubblicato il 9/9/2007 alle 13.26 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web